Martin Horvat Biografia

Quello che mi ha formato come liutaio

Da bambino ho imparato ad amare la vita semplice di una volta, in una vecchia cascina nella campagna della bassa Austria dove passavo diversi mesi all’anno.

 La casetta del pozzo nel cortile, il rumore del secchio di legno con l’acqua fresca e limpida da gustare o usare in cucina con la sua bacinella, la vecchia meridiana, e il caldo avvolgente del fuoco di legna … sono solo alcune delle impressioni pure e semplici che si sono profondamente impresse nei miei sensi, emozioni che ormai sono parte di me. E che mi portano a cercare e dare un senso di bellezza e armonia in tutto ciò che faccio, desiderio che porto con me sin dall’infanzia: già a nove anni prendevo lezioni di musica  e da allora ho studiato ininterrottamente diversi strumenti.

 Ho in me anche il gusto dello stile e dell’eleganza, che mi viene dalla nonna triestina che mi ha messo  presto  in contatto con l’ Arte italiana e tutta la sua bellezza. Adolescente, mi entusiasmavo per il Rinascimento italiano e i miei grandi idoli erano Raffaello, Michelangelo e Leonardo. Il pittore dentro di me si sveglia ogni volta che si tratta di verniciare uno strumento perchè alla base della mia tecnica c’è uno studio approfondito delle tecniche di pittura rinascimentali.

Ho amato fin da ragazzo l’Italia, con tutta la sua ricchezza di buon gusto e Arte, con la sua  calorosa, allegra bellezza.  Italia… era un mondo divertente e colorato per me , dove  mi sentivo a mio agio  e che mi ha lasciato  un’ attitudine giocosa e creativa  verso il mio lavoro.

Dopo aver conseguito la maturità con lode, ho approfondito  la mia passione e cultura musicale, già presente sin da bambino, compiendo  ampi studi musicali a Vienna, dove ho ricevuto una formazione di alto livello come Violoncellista e per tanti anni ho preso anche lezioni di pianoforte, tromba e composizione. Ciò mi ha permesso di affinare  la mia sensibilità verso  il suono e le tecniche musicali, acquisendo anche  una profonda conoscenza sulla risonanza del violino grazie ad approfonditi studi di fisica ( accanto a quelli sull’anatomia).

Ho iniziato  a costruire strumenti musicali in Olanda ed è stato allora che ho capito con certezza di aver trovato l’ideale sintesi delle mie capacità ed interessi: solo in quel momento mi sono sentito pienamente appagato…avevo trovato la mia strada. Non volevo essere musicista, ma liutaio.

La formazione come liutaio l’ ho ricevuta frequentando la Scuola Internazionale di Liuteria di Cremona.

Ho avuto due grandi opportunità:  poter approfondire il  mio saper fare  di liutaio  a Cremona, e  continuare uno stretto contatto con musicista di primo livello nella mia città natale di  Vienna , e questi sono i principali fattori che stimolano costantemente  il mio sviluppo professionale.

Dalle prime emozioni infantili, che accompagnavano i miei  primi studi musicali,  alle successive esperienze di studio e di artigianato , tutto ha contribuito a fare di me ciò che sono e dei  miei violini il frutto maturo di tante meravigliose opportunità . Sono convinto che un prodotto artigianale d’eccellenza sia il frutto di competenza e ragionamento, cultura, esperienza,  e manualità  ma anche di sensibilità individuale.

Mi ritengo un purista, come liutaio, sia nei metodi che uso sia a livello pratico che per le mie ricerche.

Vivo e lavoro da oltre vent’ anni in questa bella città di Cremona ,  da sempre  riferimento  mondiale per la liuteria.

Sono membro del “Distretto culturale di Cremona”.

Da 16 anni sono sposato e sono padre di tre bambini. Tramite mia moglie ho imparato ad amare anche il Giappone e la nostra convivenza ha aperto un nuovo orizzonte culturale che non rimane senza effetto sulla mia attività professionale.